Il titolo migliore e peggiore della settimana.

IL MIGLIORE

Il titolo ELICA ha archiviato la seduta settimanale facendo registrare la migliore performance sul listino milanese guadagnando così il 19.4%; dall’inizio dell’anno +30%. Il prezzo max degli ultimi 17 mesi è 2.45 euro, quello minimo 1.391 euro. Lo scorso 28 agosto il Consiglio di Amministrazione di Elica S.p.A., capofila del Gruppo leader mondiale nella produzione di cappe aspiranti da cucina ha approvato la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2017 redatta secondo i principi contabili internazionali IFRS. L’avvio delle azioni annunciate nel Piano Strategico triennale, ha prodotto nel primo semestre del 2017 una crescita sopra le attese dei ricavi consolidati in tutte le aree di business e in tutte le principali aree geografiche, trainata dall’incremento delle vendite a marchio proprio. La strategia di spinta sulla rete distributiva a marchio proprio ha generato un aumento del tasso di penetrazione del marchio Elica sia nel mercato europeo, che a livello globale. I maggiori costi di struttura sostenuti nel semestre per queste azioni dedicate, per la promozione del brand e quelli derivanti dalle ristrutturazioni compiute, hanno impattato sul livello di marginalità ponendo solide basi per un incremento della leva operativa nel prossimo futuro.

Al secondo posto si piazza La Doria (+13.8%) e sul gradino più basso del podio Landi Renzo (+12.7%).

IL PEGGIORE

Il titolo peggiore della settimana è MEDIASET che ha ceduto il 4.5% sul listino di Piazza Affari; dall’inizio dell’anno ha ceduto il 28%. Il prezzo max degli ultimi 17 mesi è 4.806 euro, quello minimo è 2.20 euro. Macquarie ha ridotto il target price di Mediaset a 2.10 da 4.3 euro in seguito alla riduzione delle stime sull’utile per azione per il biennio 2017/2018, rating Underperfom. L’indebitamento finanziario netto consolidato al 31 marzo 2017, pari a 1.169,0 milioni di euro, si è mantenuto sostanzialmente stabile rispetto al dato del 31 dicembre 2016, pari a 1.162,4 milioni di euro. La generazione di cassa caratteristica (free cash flow) è stata pari a 98,4 milioni di euro in deciso miglioramento rispetto a quella, pari a 57,2 milioni di euro, del primo trimestre 2016. Nel corso del primo trimestre sono stati inoltre sostenuti investimenti a fronte di aggregazioni d’impresa e partecipazioni per complessivi 29,6 milioni di euro ed esborsi da parte della controllata EI Towers relativi per 16,3 milioni di euro alla prosecuzione del piano di riacquisto di azioni proprie e per 59 milioni di euro alla distribuzione dei dividendi straordinari deliberati in data 12 gennaio.

Al secondo posto troviamo Intek Grp (-4.3%) ed al terzo Digital Bros (-3.6%).

(esclusi titoli AIM)

Please follow and like us:

pasqualeferraro

Pasquale Ferraro, giornalista pubblicista, lavora con varie testate online: Trend-online, Investing.com, Yahoo Finanza, Alice Economia, Finanza rapisarda, 4Trading, CBLive, Borsa investimenti ed altre.