Emak: in grande spolvero.

Emak ( società a capo di uno dei maggiori gruppi a livello globale nei settori dell’outdoor power equipment, delle pompe e del water jetting, e dei relativi componenti ed accessori) dopo i precedenti ribassi che hanno spinto i prezzi fino a 1.37 euro è tornato al centro degli acquisti (il titolo è stato protagonista di un costante rialzo dei primi di agosto 2016 fino a maggio 2017, passando da area 0.700 a 1.97 euro, prezzo max ultimi 10 anni). Oltre quota 1.64 euro il titolo potrebbe accumulare forza per poi raggiungere i primi obiettivi posizionati a 1.73 e 1.78 euro; ultimo ostacolo che separa il titolo dal ritorno delle quotazioni in area 1.87 euro.

Outlook
Il segmento Outdoor Power Equipment è stato penalizzato nel corso dell’anno da condizioni meteo sfavorevoli, in particolare dalla siccità che ha influenzato la stagione dei prodotti per il giardinaggio. Per questo business sono previsti un piano di investimenti mirati a sostenere un’offerta di prodotti più ampia e più competitiva e un piano strutturato di riduzione dei costi. L’acquisizione del Gruppo Lavorwash, inserito nel perimetro di consolidamento da luglio 2017, apre interessanti prospettive di sviluppo del business Pompe e High Pressure Water Jetting, in particolare nel settore cleaning, grazie all’ampliamento della gamma, all’offerta più competitiva e di sinergie trasversali a tutto il Gruppo Emak. I buoni risultati ottenuti nel segmento Componenti e Accessori confermano la forza del Gruppo in questo business, dove anche in futuro continueranno gli investimenti in innovazione e completamento della gamma prodotti. Sulla base dei risultati sin qui ottenuti, il Gruppo stima per l’esercizio un fatturato, a parità di area di consolidamento, in linea con l’esercizio precedente, a fronte delle stime di inizio anno di una crescita organica nell’ordine del 3%-4%. In aggiunta, il Gruppo potrà contare sul contributo positivo del Gruppo
Lavorwash.

Risultati dei primi nove mesi 2017
Ricavi a € 322,2 milioni – € 309,7 milioni nei primi nove mesi 2016
EBITDA a € 37,2 milioni – € 36,3 milioni nei primi nove mesi 2016
EBIT a € 27,8 milioni – € 26,7 milioni nei primi nove mesi 2016
Utile netto consolidato a € 15,7 milioni – € 16,5 milioni nei primi nove mesi 2016
Posizione finanziaria netta passiva a € 120,6 milioni (di cui € 48,7 milioni relativi alla variazione di area di consolidamento), rispetto a € 87,8 milioni al 30 settembre 2016.

Please follow and like us:

pasqualeferraro

Pasquale Ferraro, giornalista pubblicista, lavora con varie testate online: Trend-online, Investing.com, Yahoo Finanza, Alice Economia, Finanza rapisarda, 4Trading, CBLive, Borsa investimenti ed altre.