Intesa Sanpaolo: analisi tecnica.

Intesa Sanpaolo sta facendo vedere cose interessanti ed i corsi si riportano oltre quota 3.0 euro (l’istituto bancario sta considerando opzioni strategiche nell’attività di servicing di crediti deteriorati, comprendenti una cessione di un portafoglio di crediti in sofferenza del Gruppo, nell’ambito del prossimo Piano di Impresa) sfiorando così la successiva resistenza strategica a 3.02 euro. Le quotazioni potrebbero spingersi (nel breve/medio periodo) fino a 3.36 euro (2° target area 3.50 euro) ma due sono le condizioni affinché questa attesa venga confermata: la violazione (in chiusura) di 3.02 per il test a 3.16 euro ed il superamento (in chiusura) del successivo tenace ostacolo a 3.22 euro che proietterebbe obiettivi a 3.36 euro e successivamente in area 3.50 euro. Sotto 2.88 euro (in chiusura) spazio ad un ritorno dei corsi a 2.82 euro in prima battuta. Negative flessioni al di sotto di 2.75 euro (in chiusura) per il test a 2.69 euro.

La liquidità del Gruppo si mantiene su livelli elevati: al 30 settembre 2017 entrambi gli indicatori regolamentari LCR e NSFR adottati anche come metriche interne di misurazione del rischio liquidità, si collocano ben al di sopra dei requisiti minimi previsti a regime dal Regolamento 575/2013 e Direttiva 2013/36/EU. A fine settembre, l’importo delle riserve di liquidità stanziabili presso le diverse Banche Centrali ammonta a complessivi 170 miliardi (159 miliardi a giugno 2017), di cui 93 miliardi (81 miliardi a fine giugno 2017) disponibili a pronti (al netto dell’haircut) e non utilizzati. Il loan to deposit ratio a fine settembre 2017, calcolato come rapporto tra crediti verso clientela e raccolta diretta bancaria includendo le componenti relative all’acquisizione di certe attività e passività e certi rapporti giuridici di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca, era pari al 93%.

Indicatori tecnici (sett.):

RSI(14) Comprare
STOCH (9,6) Neutrale
STOCHRSI (14) Ipercomprato
MACD(12,26) Comprare
ATR(14) Più volatilità
CCI(14) Comprare
ADX(14) Neutrale
ROC Comprare
UO Comprare

Williams R: ipercomprato.

 Medie mobili esponenziali:

il prezzo è collocato al di sopra di Ema20, quest’ultima è superiore a Ema50; entrambe sono superiori alla media mobile di periodo 200 (SMA). Secondo questa teoria è in atto l’orientamento più rialzista possibile.

Bande di Bollinger (vedi grafico): i trader colgono dei segnali di acquisto quando il prezzo tocca la banda inferiore, o si allunga per breve periodo al di fuori di essa, colgono invece dei segnali di vendita quando il prezzo tocca la banda di Bollinger superiore, o si allunga per breve tempo al di fuori di essa (questo ind. Funziona meglio durante una fase di contrazione del range).

Punti di Pivot (gg):

S3 S2 S1 Punti di Pivot R1 R2 R3
Classico 2,988 2,992 2,996        3,000 3,004 3,008 3,012
Fibonacci 2,992 2,995 2,997        3,000 3,003 3,005 3,008
Bull/Bear Power(13) 0,0720 Comprare

Beta: 1.56

Ratio Prezzo/Utile: 8.53

Dividendi:

Anno rif. bil. Valore
2016 0,180 euro
2015 0,140
2014 0,070
2013/2012 0,050

Eps: 0.35

Range 52 settimane: 2.064 – 3.01 euro.

PERFORMANCE %
Ytd +8.3
1 Mese +4.3
6 Mesi +5.9
1 Anno +21.8
3 Anni +31.9
5 Anni +101.2

 Rating e target price:

Nome Data Rating Target Price
Equita sim 28/12/2017 Hold 3.00 euro
Kepler Cheuvreux 21/12/2017 Buy 3.40
RBC Capital 18/12/2017 Market perform 3.30
Credit Suisse 01/12/2017 Outperform 3.20
UBS 08/11/2017 Buy 3.05
noi compriamo auto Best_buy Image Banner 234 x 60

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *