Autostrade Meridionali: analisi tecnica.

Ancora denaro sul titolo Autostrade Meridionali che raggiunge quota 31.30 euro, prezzo massimo ultimi 10 anni e 6 mesi. L’azione appare intenzionata a dare seguito al rialzo partito lo scorso mese di ottobre puntando verso la dura resistenza di medio/lungo periodo a quota 32.0 euro. Il fondamentale confronto con tale livello dirà poi se le quotazioni possano ambire o meno al ritorno in area 33.0 euro in prima battuta e successivamente, con quest’ultima violazione in chiusura, fino alle tenaci resistenze di lungo termine a 35 e 35.50 euro (oltre tali ostacoli in chiusura, spazio ad ulteriori allunghi verso 36.40 ed area 37.50 euro). L’evoluzione rialzista sarà garantita dalla tenuta di 28.50 euro (al momento il titolo è a quota 30.10 euro). Discese (in chiusura) sotto i 27.35 euro faranno probabilmente scattare nuovi ribassi con primi obiettivi a 26.90 e 26.50 euro.

Dal 1^ gennaio 2018, in base a quanto stabilito dal decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e dell’Economia e delle Finanze con D.I. n.614 del 29.12.2017, l’adeguamento tariffario di competenza di Autostrade Meridionali è pari al 5,98%, tale incremento include anche l’inflazione di periodo non già riconosciuta relativa al periodo 2013-2017.

Di seguito le tariffe in vigore dal 1^ gennaio 2018:

Classe Tariffa (€)
A            2,10
B            2,20
3            3,90
4            4,90
5            5,60

Indicatori tecnici (sett.):

RSI(14) Ipercomprato
STOCH (9,6) Neutrale
STOCHRSI (14) Ipercomprato
MACD(12,26) Comprare
ATR(14) Più volatilità
CCI(14) Comprare
ADX(14) Comprare
ROC Comprare
UO Comprare

Williams R: ipercomprato.

 Medie mobili esponenziali:

il prezzo è collocato al di sopra di Ema20, quest’ultima è superiore a Ema50; entrambe sono superiori alla media mobile di periodo 200 (SMA). Secondo questa teoria è in atto l’orientamento più rialzista possibile.

Bande di Bollinger (vedi grafico): i trader colgono dei segnali di acquisto quando il prezzo tocca la banda inferiore, o si allunga per breve periodo al di fuori di essa, colgono invece dei segnali di vendita quando il prezzo tocca la banda di Bollinger superiore, o si allunga per breve tempo al di fuori di essa (questo ind. Funziona meglio durante una fase di contrazione del range).

Punti di Pivot (gg):

S3 S2 S1 Punti di Pivot R1 R2 R3
Classico 25,65 26,70 27,80        28,85 29,95 31,00 32,10
Fibonacci 26,70 27,52 28,03        28,85 29,67 30,18 31,00
Bull/Bear Power(13) 4,7040 Comprare

Beta: 0.36

Ratio Prezzo/Utile: 7.06

Dividendi:

Anno rif. bil. Valore
2016 0,600 euro
2015 0,400
2014 0,400
2013 0,200

Eps: 4.18

Range 52 settimane: 17.97 – 31.3 euro.

PERFORMANCE %
Ytd +10.5
1 Mese +9.7
6 Mesi +27.3
1 Anno +70.1
3 Anni +99.5
5 Anni +86.3

 Rating e target price: n/a

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2017

 Totale Ricavi pari a 68,8 milioni di euro in aumento del 7,7% rispetto allo stesso periodo del 2016 (63,9 milioni di euro), essenzialmente per l’incremento del traffico nei primi nove mesi del 2017, in cui i transiti totali hanno registrato un aumento del 3,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, ed all’incremento degli altri ricavi per partite non ricorrenti registrate nei primi nove mesi del 2017.
 Margine Operativo Lordo (EBITDA) pari a 28,7 milioni, in aumento del 16,6% rispetto ai 24,6 milioni del corrispondente periodo del 2016.
 EBIT pari a 26,3 milioni di euro in aumento del 16,7% rispetto a 22,5 milioni di euro realizzati nei primi nove mesi del 2016.
 Utile del periodo pari a 15,4 milioni di euro in aumento del 26,2% rispetto a 12,2 milioni del corrispondente periodo del 2016.

Evoluzione prevedibile della gestione

Al termine del periodo di ultrattività della Convenzione in essere la Società potrà risultare aggiudicataria della nuova concessione ed in tal caso proseguirà, nei termini previsti dal bando, nella gestione della infrastruttura ovvero potrà valutare, secondo le previsioni dello statuto sociale di prendere parte a gare per la realizzazione e/o gestione di infrastrutture autostradali.
In ogni caso, la prosecuzione dell’attività aziendale e la restituzione dei finanziamenti concessi alla Società sarà garantita o dall’aggiudicazione in capo ad Autostrade Meridionali di una nuova concessione, o dall’incasso dell’indennizzo versato dal concessionario subentrante. Il prolungarsi delle operazioni di gara, per l’individuazione del nuovo concessionario dell’infrastruttura (sono trascorsi oltre quattro anni dal termini prefissato dalla convenzione di concessione) fa si che nel breve – medio periodo possano evidenziarsi esigenze manutentive, sia sulle opere già oggetto di intervento nonché, ed a maggior ragione, su quelle che non furono a suo tempo comprese nel programma di riconsegna. Ciò potrà comportare aggravi di oneri di manutenzione nel corrente esercizio e nei prossimi.
Per l’intero esercizio 2017 si prefigura un andamento in linea rispetto ai trend consuntivati sino al 30 settembre 2017, che risulta altresì condizionato dal mancato riconoscimento da parte del Concedente di incrementi
tariffari legati alla remunerazione degli investimenti pregressi, a fronte del quale la Società ha presentato ricorso al TAR, come già illustrato nelle precedenti informative.

noi compriamo auto Best_buy Image Banner 234 x 60

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *