Rating Unicredit: alle parole non seguono fatti.

Negli ultimi 3 mesi circa, i giudizi su Unicredit delle principali banche d’affari sono abbastanza positivi:

Nome Data Rating Target Price
Banca IMI 02/03/2018 Add 20.10 euro
Jefferies 01/03/2018 Buy 22.30
HSBC 27/02/2018 Buy 21.00
Berenberg 20/02/2018 Buy 19.50
Equita sim 19/02/2018 Buy 23.50

Purtroppo il titolo bancario (-46% in 3 anni) non beneficia di questi rating (l’azione è al di sotto di almeno 3 euro dal rating più basso e addirittura 6 euro da quello più in alto che per ora sembra pura follia) ed invece di risalire la china potrebbe prepotentemente spingere al ribasso in particolar modo in caso di discese (in chiusura) al di sotto di 16.05 euro per il test a 15.86 e 15.79 euro in prima battuta (15.20 euro 2° target). Segnali allarmanti al di sotto di quota 15.20 euro (in chiusura) per il test a 14.95 euro in prima battuta. Se invece i prezzi  si manterranno sopra i 16.75 euro ci sarà qualche possibilità di assistere ad una ripresa con un primo timido obiettivo a 17.24 e 17.67 euro ma i primi e reali segnali di ripresa giungeranno oltre 18.70 euro (target per ora considerato un miraggio nonostante gli elogi sul titolo bancario) in chiusura per il test a 19.32 euro. La resistenza strategica di lungo termine è posizionata a 21,15 euro. 

Probabilmente ci vorrà del tempo per raggiungere gli ambiti traguardi ma per il momento i Rating, gli aumenti di capitale, gli elogi e gli utili non hanno permesso al titolo bancario di recuperare oltre il 50% dell perdite accumulate negli ultimi 3 anni (se prendiamo in considerazione gli ultimi 10 anni c’è ancora un abisso) ma se tanto mi da tanto…..

Nel corso degli anni abbiamo assistito a più di un amento di capitale (l’ultimo da record) e ad ogni fine operazione il titolo è riuscito a recuperare terreno ma dopo qualche mese ha ripreso la via delle vendite raggiungendo anche nuovi minimi storici così come è accaduto nel 2016. 

 

 

 

Please follow and like us:

pasqualeferraro

Pasquale Ferraro, giornalista pubblicista, lavora con varie testate online: Trend-online, Investing.com, Yahoo Finanza, Alice Economia, Finanza rapisarda, 4Trading, CBLive, Borsa investimenti ed altre.