Il titolo migliore e peggiore della settimana.

IL MIGLIORE

Il titolo TERNIENERGIA ha archiviato la seduta settimanale facendo registrare la migliore performance sul listino milanese guadagnando così il 16.9%; dall’inizio dell’anno -27.1%. Il prezzo max degli ultimi 14 mesi è 1.156 euro, quello minimo 0.3305 euro. Dopo la pesante correzione delle precedenti sedute, il titolo ha rialzato la testa dovo aver fatto registrare nuovi minimi storici.

Nei prossimi mesi, il Gruppo sarà impegnato a dare attuazione al Piano di risanamento e rilancio, volto a perseguire, nel medio periodo, la trasformazione della Società in una smart company e il superamento dell’attuale situazione di tensione finanziaria del Gruppo. Il Piano si fonda su tre pilastri: dismissioni, razionalizzazione e riposizionamento strategico con focalizzazione sui temi dell’internet of energy, della smart mobility e della consulenza IT.

Al secondo posto si piazza Eurotech (+12.9%) e sul gradino più basso del podio Emal (+9.2%).

IL PEGGIORE

Il titolo peggiore della settimana è B&C SPEAKER che ha ceduto il 6.4% sul listino di Piazza Affari; dall’inizio dell’anno ha guadagnato il 16.1%. Il prezzo max degli ultimi 14 mesi è 14.09 euro, quello minimo è 7.421 euro. 

Scattano le prese di profitto dopo il lungo rally che ha spinto il titolo a sfiorare i massimi storici a 14.09 euro. B&C Speakers ha archiviato il bilancio 2017 on un utile netto civilistico di 5,89 milioni di euro, e ha deliberato di assegnare un dividendo di 0,42 euro (già assegnato il 30 aprile scorso).

Al secondo posto troviamo Industria e Innovazione (-6.3%) ed al terzo Netweek (-4.3%).

(esclusi titoli AIM)

Please follow and like us:

pasqualeferraro

Pasquale Ferraro, giornalista pubblicista, lavora con varie testate online: Trend-online, Investing.com, Yahoo Finanza, Alice Economia, Finanza rapisarda, 4Trading, CBLive, Borsa investimenti ed altre.