Leonardo: analisi tecnica.

Si sta sgonfiando il breve rialzo di Leonardo che aveva portato i corsi oltre quota 10 euro (10.12) e la discesa della sessione odierna al di sotto di 9.52 euro ha fatto scattare nuovi segnali di indebolimento che se confermati con la violazione di quota 9.32 euro si trasformeranno in segnali di allarme. Se ciò dovesse accadere probabilmente il titolo potrebbe proseguire verso il basso fino al primo target a 9.25 e successivamente in area 9.05 euro. Fortemente negative discese al di sotto di 8.90 euro (in particolar modo in chiusura di seduta). Primi e reali segnali di ripresa oltre quota 10.33 e 10.63 euro. Il superamento di quota 10.96 (in chiusura) rappresenterebbe un forte segnale in vista di un miglioramento grafico ed a quel punto ci sono buone possibilità che il titolo possa raggiungere i primi target a 11.50 e 11.75 euro. Probabilmente i risultati del primo trimestre (in linea con le aspettative) non hanno soddisfatto il Mercato. E’ consigliabile intervenire in acquisto su segnali di forza, attenzione ai fuochi di paglia.

I risultati del primo trimestre 2018 sono in linea con le attese e, come previsto, gli Elicotteri mostrano segnali di ripresa. Il gruppo si è focalizzato sull’esecuzione del Piano Industriale: è stato approvato la creazione di «Leonardo International» con l’obiettivo di rafforzare la presenza sui mercati esteri, facendo leva sul modello «One Company», per garantire una presenza unitaria nei confronti dei clienti e di tutti gli stakeholders.

Indicatori tecnici (sett.):

RSI(14) Vendere
STOCH (9,6) Comprare
STOCHRSI (14) Ipercomprato
MACD(12,26) Vendere
ATR(14) meno volatilità
CCI(14) Neutrale
ADX(14) Comprare
ROC Comprare
UO Neutrale

Williams R: comprare.

 Medie mobili esponenziali:

il prezzo è collocato al di sotto di Ema20, quest’ultima è superiore a Ema50; entrambe sono inferiori alla media mobile di periodo 200 (SMA). Secondo questa teoria non è in atto l’orientamento più ribassista possibile.

Bande di Bollinger (vedi grafico): i trader colgono dei segnali di acquisto quando il prezzo tocca la banda inferiore, o si allunga per breve periodo al di fuori di essa, colgono invece dei segnali di vendita quando il prezzo tocca la banda di Bollinger superiore, o si allunga per breve tempo al di fuori di essa (questo ind. Funziona meglio durante una fase di contrazione del range).

Punti di Pivot (gg):

S3 S2 S1 Punti di Pivot R1 R2 R3
Classico 9,346 9,423 9,516      9,593 9,686 9,763 9,856
Fibonacci 9,423 9,488 9,528      9,593 9,658 9,698 9,763
Bull/Bear Power(13) -0,2360 Vendere

Beta: 1.3

Ratio Prezzo/Utile: 20.22

Eps: 0.48

Range 52 settimane: 8.396 – 16.11 euro.

Dividendi:

Anno rif. bil. Valore
2016 0,140  euro
2015 0,140
2014 0,00
2013/2012 0,00/0,00
PERFORMANCE %
Ytd -5.2
1 Mese +0.2
6 Mesi -6.7
1 Anno -40.1
3 Anni -16.7
5 Anni +117

Risultati del primo trimestre in linea con le aspettative

  • Nuovi ordini pari a € 2,2 miliardi
  • Ricavi pari a € 2,5 miliardi
  • EBITA pari a € 153 milioni e Redditività (RoS) al 6,2%
  • FOCF  negativo per € 1,1 miliardi, in linea con l’usuale stagionalità
  • Indebitamento netto pari a € 3,6 miliardi.
    Nel dettaglio, i risultati del primo trimestre 2018 evidenziano:
     
    • Ordini pari a 2.164 milioni di euro, in calo del 18,2% per effetto, in particolare, dei significativi ordini acquisiti nel 2017 nell’Aeronautica per attività di supporto alla flotta dei velivoli EFA per il periodo 2017-2021
    • Portafoglio ordini pari a 33.360 milioni di euro rispetto ai 33.637 milioni di euro al 31 dicembre 2017
    • Ricavi pari a 2.451 milioni di euro, +3,8% rispetto al primo trimestre del 2017, in crescita principalmente per effetto della ripresa degli Elicotteri, il cui dato del 2017 risentiva del ridotto numero di consegne operate nel segmento civile
    • EBITA pari a 153 milioni di euro, rispetto ai 155 milioni di euro del primo trimestre 2017
    • EBIT pari a 121 milioni di euro, rispetto ai 123 milioni di euro al primo trimestre 2017
    • Risultato netto ordinario pari a 50 milioni di euro rispetto ai 49 milioni di euro del primo trimestre 2017
    • Risultato netto pari a 50 milioni di euro, uguale al risultato netto ordinario, in assenza di operazioni straordinarie
    • Free Operating Cash Flow (FOCF) negativo per 1.057 milioni di euro, in linea con la usuale tendenza del Gruppo a registrare significativi assorbimenti di cassa nei primi trimestri, mentre il dato del primo trimestre 2017 beneficiava in misura eccezionale dell’apporto del contratto EFA Kuwait, con l’incasso nel trimestre del secondo anticipo
    • Indebitamento netto di Gruppo pari a 3.595 milioni di euro, principalmente per effetto dell’assorbimento di cassa del periodo

    Outlook
    In considerazione dei risultati ottenuti nel primo trimestre del 2018 e delle aspettative per i successivi, si confermano la Guidance per l’intero anno formulate in sede di predisposizione del bilancio al 31 dicembre 2017.

 

Please follow and like us:

pasqualeferraro

Pasquale Ferraro, giornalista pubblicista, lavora con varie testate online: Trend-online, Investing.com, Yahoo Finanza, Alice Economia, Finanza rapisarda, 4Trading, CBLive, Borsa investimenti ed altre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *