Aedes SIIQ: si avvicina ai minimi storici.

Non si arresta la caduta del titolo immobiliare  che si spinge fino a 0.3100 euro. L’azione è inserita in un ripido canale discendente e in circa 3 mesi e mezzo è passata da 0.4590 a 0.3100 euro. Sotto quota 0.3020 euro scatterebbe un nuovo campanello di allarme che potrebbe anticipare il ritorno di Aedes a quota 0.2980 euro in prima battuta per poi mettere a segno nuovi minimi storici. Per avere primi segnali timidamente positivi di breve/medio periodo occorre che il titolo si riporti sopra 0.4130 euro e la mantenga su base settimanale; a quel punto sono possibili allunghi verso il primo target a 0.4480 euro, fino ad allora solo fuochi di paglia.

EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE
Il Gruppo nel corso dell’esercizio 2018 proseguirà nelle attività di dismissione di parte del portafoglio non
strategico o non value added, al progressivo rifinanziamento del portafoglio immobiliare, alle attività di
refurbishment e di valorizzazione del portafoglio, con l’obiettivo di migliorare parametri di occupazione e
performance a beneficio anche degli esercizi futuri. Sono previsti quindi importanti attività di investimento
sul perimetro degli immobili già in portafoglio.
La Società ha inoltre annunciato, in concomitanza con la pubblicazione della relazione semestrale
consolidata (2 agosto 2017), la guidance 2018- 2023 su macro-obiettivi di investimento e di perfomance.
I drivers delle guidance prevedono la crescita e consolidamento di un portafoglio “commercial” focalizzato
su asset retail di nuova generazione e office, con l’obiettivo di mantenere, nel medio e lungo periodo, un
portafoglio immobiliare che generi flussi di cassa ricorrenti tipici del modello SIIQ/REIT, con rendimenti
superiori alla media di settore.
Il Gruppo continuerà ad acquisire immobili e portafogli immobiliari già a reddito, anche mediante apporti in
natura, prevalentemente localizzati, nel Nord e Centro Italia, e a sviluppare una nuova generazione di
shopping e leisure centres attraverso la pipeline di progetti già in portafoglio. Contestualmente, continuerà
a dismettere gli asset ritenuti non più strategici, nonché, valuterà di adottare ulteriori misure volte al
rafforzamento patrimoniale del Gruppo.
OBIETTIVI:
– GAV immobiliare 2023 pari a circa 1,6 miliardi di Euro
– Occupancy rate > del 95%
– LTV pari a circa il 50%
Tali obiettivi rimangono confermati; il verificarsi in tutto od in parte degli stessi dipenderà tuttavia anche da
fattori al di fuori del controllo della società quali tra gli altri il ciclo economico, l’evoluzione del mercato
immobiliare, l’evoluzione dell’offerta di credito, l’evoluzione del mercato dei capitali.
Il management manterrà la massima attenzione alle opportunità offerte dal mercato, pianificando al meglio
l’ulteriore crescita del Gruppo

 

Please follow and like us:

pasqualeferraro

Pasquale Ferraro, giornalista pubblicista, lavora con varie testate online: Trend-online, Investing.com, Yahoo Finanza, Alice Economia, Finanza rapisarda, 4Trading, CBLive, Borsa investimenti ed altre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *