Iren: analisi tecnica.

Il titolo Iren ha accelerato al ribasso dopo aver violato quota 2.24 euro. I corsi, che sono stati protagonisti di un lungo rally, risentono ora dell’incertezza del settore (in particolar modo Enel) ed in questo scenario i corsi dovranno trovare la forza per attestarsi al di sopra di 2.02 euro altrimenti sarà difficile evitare un ritorno in area 1.93 euro. Forti segnali di pericolo giungeranno al di sotto di 1.89 euro in chiusura di seduta. Il superamento di 2.20 euro in chiusura di seduta rappresenterebbe un primo passo avanti, preludio al ritorno fino sui 2.35 euro.

Nel primo semestre del 2018 il Gruppo ha registrato risultati operativi particolarmente positivi: l’incremento del Margine Operativo Lordo si attesta infatti a +14,4%, mentre l’Utile Netto cresce del 29,2%. Tali performance derivano da diversi fattori, tra cui la capacità di IREN di estrarre valore dalle recenti operazioni di consolidamento (tra cui ACAM La Spezia e Salerno Energia Vendite) e dalla presenza di fattori gestionali non ricorrenti, questi ultimi legati principalmente al riconoscimento di titoli di efficienza energetica (grazie ad investimenti nel settore del
teleriscaldamento). Tale dinamica si è riflessa nella robusta generazione di cassa, che ha permesso di coprire sia gli investimenti tecnici in significativo incremento
(+59%), che la maggior parte dell’indebitamento derivante dall’aggregazione di ACAM La Spezia.

Indicatori tecnici (sett.):

RSI(14) Vendere
STOCH (9,6) Vendere
STOCHRSI (14) Vendere
MACD(12,26) Vendere
ATR(14) meno volatilità
CCI(14) Vendere
ADX(14) Vendere
ROC Vendere
UO Vendere

Williams R: ipervenduto.

 Medie mobili esponenziali:

il prezzo è collocato al di sotto di Ema20, quest’ultima è inferiore a Ema50; entrambe sono inferiori alla media mobile di periodo 200 (SMA). Secondo questa teoria è in atto l’orientamento più ribassista possibile.

Bande di Bollinger (vedi grafico): i trader colgono dei segnali di acquisto quando il prezzo tocca la banda inferiore, o si allunga per breve periodo al di fuori di essa, colgono invece dei segnali di vendita quando il prezzo tocca la banda di Bollinger superiore, o si allunga per breve tempo al di fuori di essa (questo ind. Funziona meglio durante una fase di contrazione del range).

Punti di Pivot (gg):

S3 S2 S1 Punti di Pivot R1 R2 R3
Classico 1,968 2,021 2,078 2,131 2,188 2,241 2,298
Fibonacci 2,021 2,063 2,089 2,131 2,173 2,199 2,241
Bull/Bear Power(13) -0,1380 Vendere

Beta: 1.11

Ratio Prezzo/Utile: 9.78

Eps: 0.22

Range 52 settimane: 2.042 – 2.74 euro.

 

PERFORMANCE %
Ytd -15
1 Mese -10.12
6 Mesi -12.8
1 Anno -5.4
3 Anni +52
5 Anni +142

 Rating e target price:

Nome Data Rating Target Price
Kepler Cheuvreux 12/06/2018 Buy 2.70 euro
Mediobanca 14/05/2018 Outperform 3.10
Kepler Cheuvreux 08/03/2018 Hold 2.70

EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE
Il primo semestre del 2018 è stato contrassegnato da un leggero rallentamento
dell’economia globale e da turbolenze nel commercio internazionale dovute
all’implementazione di una serie di politiche protezionistiche da parte degli Stati Uniti. Anche
nell’area Euro la crescita ha subito una decelerazione in particolare negli ultimi mesi del
semestre. A tali fenomeni si somma la previsione da parte del Consiglio direttivo della BCE
di interrompere a fine anno gli acquisti netti di titoli. In relazione alla situazione italiana, il
trend delle commodity energetiche ha registrato un marcato rialzo del prezzo del gas al PSV
(Punto di Scambio Virtuale), +16,3%, che non si è riflesso completamente sul PUN (il prezzo
dell’energia elettrica nella Borsa Elettrica), il cui incremento si è fermato al 5,2%. In tale scenario, non favorevole per gli operatori termoelettrici e cogenerativi, il Gruppo ha
comunque ottenuto performance in crescita in tutti gli indicatori operativi grazie alla
resilienza e bilanciamento del proprio portafogli di business e ai significativi investimenti
effettuati nel settore del teleriscaldamento nel corso degli ultimi anni. Questi hanno infatti
consentito il riconoscimento di titoli di efficienza energetica per periodi pregressi, con un
impatto positivo sui margini.
Nel corso della seconda parte del 2018 lo sforzo di IREN sarà teso all’implementazione delle
opzioni strategiche delineate nel piano industriale, presentato alla comunità finanziaria a
novembre del 2017, che ha introdotto il concetto della “circular vision”: uno sguardo
strategico a 360° che pone al centro il Cliente/Cittadino attraverso un’azione sostenuta da
efficienza, sviluppo, sostenibilità e cura delle risorse interne. Tali elementi saranno
ulteriormente affinati nell’aggiornamento del medesimo Piano, la cui presentazione è
prevista per la fine di settembre, con l’obiettivo di rendere ancora più chiare ed efficaci le
linee guida strategiche da sviluppare nei prossimi anni.

Please follow and like us:

pasqualeferraro

Pasquale Ferraro, giornalista pubblicista, lavora con varie testate online: Trend-online, Investing.com, Yahoo Finanza, Alice Economia, Finanza rapisarda, 4Trading, CBLive, Borsa investimenti ed altre.