Zignago Vetro: a caccia dei massimi storici.

Dopo i ribassi ad inizio del mese in corso, il titolo sembra essersi ripreso e pronto per attaccare la tenace resistenza a 8.50 euro la cui rottura (in chiusura) potrebbe permettere ai corsi di superare il massimo storico a 8.73 euro e successivamente di raggiungere i primi target a 8.89 ed area 9.12 euro. Primi segnali di debolezza sotto quota 8.00 euro (in chiusura). Il trend attuale subirebbe invece un duro colpo a seguito di caduta al di sotto di 7.82 euro (in chiusura) introduttivo ad un affondo in direzione dei primi obiettivi a 7.60 e 7.50 euro.

Evoluzione prevedibile della gestione ed eventi successivi al 30 giugno 2018.
Sulla base delle informazioni disponibili, si ritiene prevedibile che anche nel secondo semestre possa proseguire la crescita della domanda nei vari settori in cui opera il Gruppo.
Non si segnalano eventi di rilievo verificatisi dopo il 30 giugno 2018.

Il primo semestre presenta una significativa crescita dei ricavi e un sensibile aumento della reddittività.
 Ricavi a 189,9 milioni di euro (+ 11% rispetto al 2017), di cui il 36,9% fuori del territorio italiano.
 Ebitda a 51,4 milioni di euro (27,1% sui ricavi, + 16,5%).
 Ebit a 28,8 milioni di euro (15,2% sui ricavi, + 15,8%).
 Utile netto del Gruppo 20,0 milioni di euro (10,5% sui ricavi, + 10,1%).
La generazione di cassa, prima degli investimenti, è pari a 36,1 milioni di euro.
L’Indebitamento finanziario netto è di 203,1 milioni di euro.

Please follow and like us:

pasqualeferraro

Pasquale Ferraro, giornalista pubblicista, lavora con varie testate online: Trend-online, Investing.com, Yahoo Finanza, Alice Economia, Finanza rapisarda, 4Trading, CBLive, Borsa investimenti ed altre.