Biesse: torna al centro delle vendite.

Prosegue il movimento discendente del titolo Biesse che lo scorso 21 marzo toccò quota 53.75 euro, mentre al momento viaggia intorno ai 30.70 euro. I corsi si sono nuovamente spinti al di sotto di 31.00 euro facendo così scattare nuovi segnali di allarme. Nelle prossime sedute le quotazioni potrebbero spingersi anche fino in area 29.30 euro ed ulteriori segnali preoccupanti verranno generati con la violazione di 28.30 euro in chiusura. Se ciò dovesse accadere il quadro grafico di medio/lungo periodo peggiorerà ulteriormente e a quel punto sarà difficile evitare un ritorno dei corsi a 27.54 e 26.68 euro in prima battuta. Affinché ciò non avvenga, il titolo dovrà riportarsi oltre quota 34.0 euro per poi accumulare forza su questa soglia e sferrare l’attacco a 34.92 euro (prima resistenza) e spingersi successivamente fino in area 38.0 euro. 

Indicatori tecnici (sett.):

RSI(14) Vendere
STOCH (9,6) Vendere
STOCHRSI (14) Comprare
MACD(12,26) Vendere
ATR(14) meno volatilità
CCI(14) Vendere
ADX(14) Vendere
ROC Vendere
UO Neutrale

Williams R: vendere.

 Medie mobili esponenziali:

il prezzo è collocato al di sotto di Ema20, quest’ultima è inferiore a Ema50; entrambe sono inferiori alla media mobile di periodo 200 (SMA). Secondo questa teoria è in atto l’orientamento più ribassista possibile.

Please follow and like us:

pasqualeferraro

Pasquale Ferraro, giornalista pubblicista, lavora con varie testate online: Trend-online, Investing.com, Yahoo Finanza, Alice Economia, Finanza rapisarda, 4Trading, CBLive, Borsa investimenti ed altre.