Telecom: analisi tecnica. 1°Target: 0.4578 euro.

Ribasso senza fine per Telecom Italia che si spinge al di sotto di quota 0.500 euro. Dal 2000 ad oggi è stata praticamente una parabola discendente ininterrotta e che al momento sembra non voler terminare. Telecom rientra così nei titoli spazzatura, cioè quei titoli che dal 2000 ad oggi hanno ceduto oltre il 90%. Un disastro, una sciagura, una catastrofe, una calamità, un flagello, le performance percentuali del titolo che se non dovesse riportarsi nel breve termine oltre quota 0.502 euro rischierà di rivedere quota 0.4730 euro in prima battuta, per poi spingersi, con quest’ultima violazione, fino a 0.4578 euro. Lo scivolone delle ultime sedute dopo i precedenti fuochi di paglia confermano le pressioni ribassiste che potrebbero continuare anche nella prima parte del 2019 con conseguente raggiungimento del secondo target a 0.3600 euro.
I primi e REALI segnali positivi solo oltre quota 0.6820 euro in chiusura e con tenuta settimanale ma un significativo ed importante miglioramento (medio periodo) avverrà solo oltre quota 0.7393 euro. Fino ad allora solo alti e bassi.

Al momento non ci sono solide basi per un futuro roseo, sono anni che non viene messo in atto un progetto reale (oltre a non distribuire dividendi le ord.) e che possa rilanciare il gruppo ormai in difficoltà da troppo tempo altrimenti, seguendo il downtrend decennale e vedendo le performance (%) degli ultimi anni, il titolo nel 2020 potrebbe raggiungere area 0.200 euro.

Indicatori tecnici (sett.):

RSI(14) Vendere
STOCH (9,6) Neutrale
STOCHRSI (14) Vendere
MACD(12,26) Vendere
ATR(14) meno volatilità
CCI(14) Vendere
ADX(14) Vendere
ROC Vendere
UO Vendere

Williams R: ipervenduto.

Medie mobili esponenziali:

il prezzo è collocato al di sotto di Ema20, quest’ultima è inferiore a Ema50; entrambe sono inferiori alla media mobile di periodo 200 (SMA). Secondo questa teoria è in atto l’orientamento più ribassista possibile.

Bande di Bollinger (vedi grafico): i trader colgono dei segnali di acquisto quando il prezzo tocca la banda inferiore, o si allunga per breve periodo al di fuori di essa, colgono invece dei segnali di vendita quando il prezzo tocca la banda di Bollinger superiore, o si allunga per breve tempo al di fuori di essa (questo ind. Funziona meglio durante una fase di contrazione del range).

Punti di Pivot (gg):

Bull/Bear Power(13)-0,0888Vendere
S3S2S1Punti di PivotR1R2R3
Classico0,47780,48890,49460,50570,51140,52250,5282
Fibonacci0,48890,49530,49930,50570,51210,51610,5225

Beta: 1.1

Ratio Prezzo/Utile: n/a

Eps: -0.04

Range 52 settimane: 0.4771 – 0.8848 euro.

Dividendi:

Anno rif. bil.Valore
2016/20170,00  euro
20150,00
20140,00
2013/20120,0 / 0,020
PERFORMANCE %
Ytd   -33
1 Mese   -16
6 Mesi   -25
1 Anno   -34
3 Anni   -59
5 Anni   -33

Rating e target price:

NomeDataRatingTarget Price
Banca IMI21/12/2018Buy0.76
Goldman Sachs28/11/2018Neutral0.60
Morgan Stanley26/11/2018EqualweightN.D.
Bernstein14/11/2018Underperform0.40
Kepler Cheuvreux09/11/2018Buy0.90
NomeDataRatingTarget Price
Goldman Sachs28/11/2018Neutral0.60 euro
Morgan Stanley26/11/2018EqualweightN.D.
Bernstein14/11/2018Underperform0.40
Kepler Cheuvreux09/11/2018Buy0.90
Equita sim09/11/2018Buy0.64
NomeDataRatingTarget Price
Barclays01/10/2018Underweight0.47 euro
Equita sim20/09/2018Buy0.85
Mediobanca19/09/2018Outperform1.08
Jp Morgan12/09/2018N.d.0.59
Bernstein11/09/2018Outperform0.85

Please follow and like us:

pasqualeferraro

Pasquale Ferraro, giornalista pubblicista, lavora con varie testate online: Trend-online, Investing.com, Yahoo Finanza, Alice Economia, Finanza rapisarda, 4Trading, CBLive, Borsa investimenti ed altre.